Snapshot

Protegge i volumi catturando immagini di specifici momenti temporali
Licenze disponibili

Le principali funzioni

  • Supporta rigorosi Recovery Point Objectives (RPO) senza conseguenze sulla produttività aziendale
  • Protezione totale dei dati per una vasta gamma di applicazioni, hypervisor e sistemi operativi
  • Si integra in modo trasparente con i più diffusi strumenti di backup e ripristino di terze parti
  • Si avvia automaticamente da applicazioni compatibili Microsoft VSS e da VMware vCenter
  • Sincronizza le snapshot tra gruppi di dischi virtuali
  • Salva le snapshot su storage dal costo più contenuto senza occupare spazio sui dispositivi premium
  • Mette a disposizione una copia "live" dell'ambiente per analisi, sviluppo e testing
  • Elimina le finestre di backup
  • Riporta velocemente i dati (a velocità del disco) a uno stato valido conosciuto
Diagramma di snapshot e backup dello storage
Quando i dati vengono scritti sul volume di produzione, prima ancora che la scrittura venga effettivamente realizzata, una copia del blocco originale viene inviata al volume dedicato alla snapshot. In questo modo, verrà conservato lo stato originale del volume di produzione nel caso si renda necessario un rollback.

Ti è mai andato male l'aggiornamento di un'applicazione?

La maggior parte di noi si è trovata in questa situazione e ha desiderato di poter tornare indietro. SANsymphony rende questo desiderio una realtà grazie alle snapshot di specifici momenti temporali del volume.

Queste istantanee possono essere utilizzate per riportare un volume al momento precedente un aggiornamento fallito, montate su un server di backup o usate per spostare dati da elaborare su un set diverso di dischi.

Le snapshot possono essere create in due modi.

Il primo è una snapshot differenziale. Questa tipologia permette di catturare lo stato del volume e renderlo istantaneamente disponibile. Il secondo è una snapshot completa. Questa tipologia crea su un volume virtuale diverso (e anche un pool differente, se necessario) una copia completa in blocco del volume.

Le snapshot lavorano anche in combinazione con VSS. VSS invia i comandi al server applicativo Windows per disattivare e scaricare tutto l'I/O, assicurando quindi che il volume sia coerente prima di catturare la snapshot.

L'integrazione con i più diffusi strumenti di backup/ripristino

DataCore funziona con i più diffusi prodotti di backup di terze parti per semplificare la protezione dei dati end-to-end e garantire un rapido ripristino dei dati a livello granulare.

Prodotti di aziende come Commvault, Microsoft e altri beneficiano delle snapshot online di DataCore per centralizzare i backup in una vasta gamma di applicazioni, hypervisor, sistemi operativi e dispositivi di storage. L'unione di queste soluzioni scarica gli host dai backup riducendo al minimo l'impatto sulle applicazioni. Di conseguenza, i backup vengono realizzati più spesso in modo da soddisfare obiettivi di Recovery Point Objectives (RPO) più rigorosi senza conseguenze sulla produttività aziendale.

Molti dei passi tipicamente necessari per coordinare le snapshot per i backup sono stati automatizzati, in modo da poterli programmare a intervalli regolari senza intervento manuale.

Oltre alle snapshot, DataCore offre protezione continua dei dati (CDP) per volumi particolarmente critici. Questa opzione esegue il rollback dei dati a specifici momenti temporali compresi tra i backup quotidiani per eliminare velocemente gli effetti di eventuali malware, corruzione dei dati ed errori dell'utente. E può essere utilizzata anche per rimediare a un backup perso.

L'integrazione con gli strumenti di backup/ripristino si aggiunge alla soluzione di storage a elevata disponibilità “zero-downtime, zero-touch” di DataCore, aiutando le organizzazioni a rispettare la regola del 3-2-1:

  • Mantenere almeno 3 copie dei dati
  • Memorizzarle in 2 formati diversi
  • Tenerne 1 copia offsite

Iniziamo mettendo la pietra angolare del data center software-defined di nuova generazione